Come fare per...


INTERRUZIONE VOLONTARIA DELLA GRAVIDANZA – MINORI
DOVE

Tribunale di Tivoli - Cancelleria della Volontaria giurisdizione
Tivoli - Viale Nicolò Arnaldi, 19 - Piano terra
Stanza: ex-casellario
Tel. 0774 451 - 669 - 668 - 684

Fax 0774 451 - 674 - 690

Posta Elettronica Certificata: volgiurisdizione.tribunale.tivoli@giustiziacert.it

Orario dal lunedì al venerdì: 9,00 - 12,00

INFORMAZIONI GENERALI

La legge stabilisce, nei casi previsti, che le donne minorenni  e le donne interdette debbano ricevere l'autorizzazione del tutore o del tribunale dei minori per poter effettuare una l’interruzione della gravidanza (IVG). Ma, al fine di tutelare situazioni particolarmente delicate, la legge 194 prevede che (art.12) nei primi novanta giorni, quando vi siano seri motivi che impediscano o sconsiglino la consultazione delle persone esercenti la potestà o la tutela, oppure queste, interpellate, rifiutino il loro assenso o esprimano pareri tra loro difformi, il consultorio o la struttura socio-sanitaria, o il medico di fiducia, espleta i compiti e le procedure di cui all'articolo 5 e rimette entro sette giorni dalla richiesta una relazione, corredata del proprio parere, al giudice tutelare del luogo in cui esso opera. Il giudice tutelare, entro cinque giorni, sentita la donna e tenuto conto della sua volontà, delle ragioni che adduce e della relazione trasmessagli, può autorizzare la donna, con atto non soggetto a reclamo, a decidere la interruzione della gravidanza.
Inoltre, qualora il medico accerti la urgenza dell'intervento a causa di un grave pericolo per la salute della donna minore di diciotto anni, indipendentemente dall'assenso di chi esercita la potestà o la tutela e senza adire il giudice tutelare, certifica l'esistenza delle condizioni che giustificano la interruzione della gravidanza. Tale certificazione costituisce titolo per ottenere in via d'urgenza l'intervento e, se necessario, il ricovero. La legge stabilisce anche che le generalità della donna rimangano anonime.
E’ competente il Giudice Tutelare della Tribunale del luogo nel quale opera il consultorio, la struttura socio-sanitaria o il medico di fiducia.

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

La richiesta viene generalmente redatta dal consultorio o dal medico di fiducia e la donna viene autorizzata a decidere di interrompere la gravidanza solo dopo essere stata sentita dal Giudice Tutelare.
Per la procedura bisogna allegare:
- certificazione medica dove risultino le settimane di gravidanza;
- documento di riconoscimento della minore;
- relazione del servizio pubblico o del medico.
La procedura è esente da contributo unificato. Occorre marca da € 8,00 per diritti forfettari di notifica.